La nuova serie di Pingu arriva in Europa

Il canale britannico ITVBe ha messo in onda Pingu in the City e altri annunci sono attesi a breve.

La Sony Creative Products Inc. (SCP), con sede a Tokyo, che gestisce le licenze nel mercato giapponese per l’amatissimo pinguino animato Pingu per conto del titolare dei diritti Mattel Inc, ha annunciato l’arrivo della nuova serie TV animata Pingu in the City in Europa, interamente realizzata e prodotta in Giappone.

Pingu in the City è stato lanciato sul mercato giapponese nell’ottobre 2017. Dopo l’annuncio dello scorso anno di una nuova partnership di distribuzione per Pingu con Sony Music Entertainment España, S.L. (SME), per quel che riguarda l’Europa e l’America Latina, sono in arrivo numerose partnership europee per la messa in onda, a partire dal canale televisivo free-to-air ITVBe, con sede nel Regno Unito. Pingu in the City ha iniziato a essere messo in onda dal lunedì al venerdì nel blocco prescolare Little Be il 25 febbraio, per due volte al giorno, alle 10.15 e alle 10.25. Dall’8 aprile sono stati aggiunti altri slot nel fine settimana, portando Pingu ai suoi fan britannici sette giorni su sette.

Pingu in the City (due serie di 26 x 7 minuti) è stato lanciato sul canale in chiaro NHK ETV, di proprietà dell’emittente pubblica giapponese NHK, nell’ottobre 2017. Questa deliziosa nuova versione della storia di Pingu porta l’insolente e amabile pinguino e la sua famiglia dal loro piccolo villaggio alla grande città, dove Pingu incontra molti altri pinguini affascinanti, scopre cosa fanno e – inevitabilmente – si mette nei guai.

Il successo del nuovo show in Giappone è stato accompagnato da una forte performance nel settore delle licenze, nella vendita al dettaglio e anche in iniziative promozionali.

Oggetti da collezionare, accessori per cellulari, peluche e cuscini sono tra le uscite più recenti, e sono stati organizzati diversi eventi di successo quali un caffè a tema Pingu, un evento per lo shopping a tema Pingu, una collaborazione natalizia con un acquario popolare a Tokyo e una collaborazione con una rivista di lifestyle femminile.